MOSAICI DI LADY BE: I VOLTI CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA

MOSAICI DI LADY BE: I VOLTI CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA

Bottoni, bottiglie, vecchi giocattoli, bigiotteria e altri oggetti usati, soprattutto di plastica, sono i tasselli dei mosaici di Letizia Lanzarotti, in arte Lady Be, l’artista ventiseienne del “riciclo” già conosciuta e osannata dalla critica internazionale.
Cresciuta tra Pavia e Dorno, ha esposto a New York, Londra e sulla Tour Eiffel.
La sua prima opera è stata un mosaico con il ritratto di Merilyn Monroe realizzato con giochini di plastica accumulati da bambina. Una sorta di diario dei ricordi con dentro l’infanzia dell’artista che non butta mai nulla. Per Letizia infatti ogni materiale di scarto, se accostato con minuzia, produce arte.
I ritratti di Lady Be sono esplosivi e carichi di colore. Gli oggetti di recupero, reperiti un po’ ovunque e minuziosamente catalogati per dimensione e cromia, diventano occhi, labbra, capelli, attraverso un lavoro che può durare anche mesi. Tra i suoi pezzi più noti ci sono i volti di Coco Chanel, Mozart, Gandhi, Napoleone, Carlo Magno, Dalì, Einstein e poi i Beatles, una costante nella sua produzione pop.
Le sue opere, ormai itineranti, hanno fatto recentemente tappa a Pavia nei Musei Civici del Castello Visconteo con la mostra “I volti che hanno cambiato la storia”, un suggestivo accostamento tra i mosaici antichi di epoca romanica presenti nelle sale espositive e quelli contemporanei di Lady Be.

Fonte: milano.corriere.it

Postata dalla Redazione